Avis di Castel del Piano, il presidente Mauro Ravagni fa appello alle istituzioni locali

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato che segue:

avisSono il Presidente dell’AVIS di Castel del Piano, e sono oltre 40 anni che faccio parte di questa Associazione, di cui negli ultimi 25 ho avuto il piacere e l’onore di ricoprire questa carica. Non mi ricordo più nemmeno io di quante lotte abbiamo fatto per migliorare sia il servizio nei Centri Trasfusionali, sia per l’accoglienza dei donatori, lottando spesso contro i mulini a vento anche se qualcosa è migliorato negli ultimi anni, compreso il ristoro post donazione uguale per tutti (solo per avere questo ci sono voluti 3 anni di lotta…). Poi ci sono alcune cose negative che specialmente nella nostra Provincia hanno messo in crisi grosse e piccole Sezioni, come il trasporto donatori che non viene più rimborsato, le analisi che non vengono più fatte come una volta, insomma una serie di problemi che hanno creato grossi disagi nei donatori che avevano conosciuto la realtà precedente, poi i comitati di coordinamento che non vengono fatti come dagli accordi di Avis Regione e ancor più brutto è che noi partecipiamo a questi incontri con grossi sacrifici e sistematicamente di quello che proponiamo non viene mai accettato niente.

Mi rivolgo all’Assessore Saccardi ed alla Responsabile del CRS, dottoressa Carli, mi fa piacere che vi interessiate alle carenze del sangue, ma dovreste pensare anche alla carenza dei medici Trasfusionisti, degli infermieri, delle aperture dei centri di raccolta che qualche volta saltano per mancanza di personale Asl, alle richieste di apertura di un giorno in più a settimana al centro di raccolta di Follonica, dove ci sono maggiori possibilità di prelievo, e al centro di raccolta di Manciano che chiede un giorno in più al mese, tutte cose queste che sono anni che chiediamo senza risultato e senza avere incontri con la controparte per parlarne.

Noi dirigenti associativi non abbiamo la bacchetta magica, io credo che se prima non riusciamo ad ottimizzare quello che abbiamo sempre di più ci saranno difficoltà nel sopperire alle carenze di sangue.

Le problematiche esposte non sono tutte, perché non voglio fare polemiche, però invito l’Assessore Saccardi e la dottoressa Carli ad avere degli incontri con le Associazioni a livello regionale, per conoscere e capire quali sono le reali difficoltà che affrontiamo e le esigenze del territorio, per cercare di migliorare la raccolta di sangue e così fare una vera e seria lotta contro le emergenze e le carenze; se la politica, il CRS, i Dirigenti ASL non ci aiutano, noi associazioni abbiamo finito le nostre risorse, ora la palla passa nelle vostre mani.

                                                                                                          Il Presidente Mauro Ravagni

Da Venerio
Ottica Colombini
piccolo hotel aurora
ARS fotografia
Banca Tema