Quella volta che cucinai per Fulvio Pierangelini

Immagine95899Negli anni ’80 dirigevo l’Azienda Agraria Meleta a Roccatederighi, provincia di Grosseto. Si produceva vino, piccioni da carne, mentre da un gregge di pecore di razza Massese si producevano latte, agnelli pesanti e castrati. Arrivai che c’erano solo un po’ di gabbie per l’allevamento dei piccioni, ma dopo solo qualche anno l’allevamento divenne il più grande d’Italia con oltre 8.000 coppie in produzione. Il successo si ottenne cercando di produrre da un allevamento all’avanguardia nella selezione di razze, nella cura maniacale della pulizia delle ampie gabbie, nella scelta meticolosa dei migliori mangimi. Sementi che arrivavano fin dall’Argentina, per il mais, o dalla Turchia per le vecce.

Ebbero successo immediato in Svizzera dove venivano spediti circa 800 piccioni per settimana. In Italia lavoravamo tramite una casa specializzata in forniture di qualità ai grandi e ai più famosi ristoranti d’Italia. Tutto questo ci portò a realizzare un moderno mattatoio specifico per piccione che ottenne, primo in Italia, il “bollino CEE” a garanzia della corretta macellazione.

Le buone notizie viaggiano veloci con il passaparola e i migliori ristoranti stellati si presentavano spontaneamente per avere i nostri piccioni. Ma con Pierangelini non andò così. Il dottor Peter Max Suter, proprietario svizzera della Meleta, visitava diverse volte all’anno l’azienda e in queste occasioni non mancava di andare a visitare borghi della Toscana e, nell’occasione, provare i migliori ristoranti. Era infatti amante dell’arte, delle belle cose, ma anche del buon vino e della grande cucina. Per questa andava a verificare di persona se la fama corrispondeva alla qualità.

Al ritorno da una di queste gite mi raccontò con entusiasmo la sua fantastica scoperta dicendomi: ho mangiato dal Papa! Io non capivo cosa volesse dire. E lui mi spiegò che era stato in un ristorante il cui chef era un Papa, il Papa della cucina! Seppi così del Gambero Rosso di San Vincenzo e del suo patron Fulvio Pierangelini. Di fronte a tanta magnificenza il nostro Dottor Suter non mancò di parlargli dei nostri piccioni e della qualità eccelsa di questi. Rimase d’accordo che gli avremmo mandato un primo cartone con 10 piccioni.

Fu l’inizio di una lunga collaborazione con soddisfazione reciproca. Io lo incontravo quando andavo a portargli i piccioni per fargli risparmiare il viaggio, ma anche perché immancabilmente mi invitava a mangiare suo ospite. Nacque così un’amicizia per la continua frequentazione e per l’ammirazione che io avevo per i suoi piatti. Potevo comperare da lui dei vini fantastici, a prezzi di costo, e da lui scoprii e mi feci una certa cultura del vino. Fulvio era noto per la sua riservatezza ed eppure con me arrivò ad invitarmi a mangiare a casa sua! Credo sia stato un privilegio di pochi. Naturalmente ebbi il coraggio (incoscienza) di invitarlo anche io a mangiare a casa mia. Lui diceva sempre che amava mangiare le cose semplici e io mi feci coraggio. Una volta accettò l’invito! Con l’intenzione di fargli una zuppa di pane e verdure, che mia moglie Laura sa far bene, acquisto tutte le verdure necessarie in vista della sua venuta nel tardo pomeriggio. Solo che all’ora di pranzo mi chiama dicendomi che ha avuto dei problemi e non può venire. Ok, lo faremo un altro giorno. Nel primo pomeriggio Laura decide di andare al Cimitero di Montepescali con sua cugina, tanto non c’è da cucinare. Sennonché dopo poco la sua partenza mi telefona Fulvio e mi dice: mi sono liberato, allora veniamo!

Il tempo rimanente era poco, i cellulari allora non erano ancora di moda e non potevo raggiungere Laura, per cui non sapevo come fare. Mi feci coraggio e tentai di fare la minestra di verdure non sapendo nemmeno da dove rifarmi. Infatti venne poi una sbroscia indicibile. Siccome però c’avevo in frigo un coniglio, e questo so come farlo, decisi di fare il coniglio in bianco. Quando arrivò Fulvio e sua moglie Manuela ancora mia moglie non era rientrata. Così gli dissi cosa era successo. Lui mi disse, non ti preoccupare. La sbroscia era veramente penosa, ma lui ci zuppava il pane e un pò d’olio e così diceva lui che andava bene. Allora io, forte della mia preparazione, porto in tavola con enfasi il mio coniglio in tegame. Orrore! Fulvio non mangia carne di coniglio! E che cxxxo! Mi chiede un pezzo di cacio e finisce così il pranzo. Questo il mio cucinare per Fulvio Pierangelini. Non pensavo certo di fare un pranzo memorabile per lui, e invece, non volendo, venne proprio UN PRANZO INDIMENTICABILE!

Da Venerio
Ottica Colombini
piccolo hotel aurora
ARS fotografia
Banca Tema